Abzan Midrange

tumblr_nhm4dqucot1ri1r1uo1_1280

Ciao gente!

Quello di oggi è un mazzo Made in DaFerra che ho montato nel periodo di assenteismo dalle scene. Perchè uno può smettere di scrivere, può smettere di giocare, ma non può fermare la propria creatività.
Quello che vado a proporre è la versione pauper di uno degli archetipi più in voga, dal Legacy allo Standard, passando per il Modern: Abzan Midrange. Ho cercato di racchiudere i punti chiave che lo caratterizzano in tutti gli altri formati: recursion, interazione col cimitero, controllo board e mano e ciccioni.

Inizialmente pensavo che non valesse un fico secco e che finisse nella directory “mazzi-che-sembrano-fighi-ma-poi-prendi-le-badilate “, invece dopo un po’ di modifiche e di test è uscito fuori qualcosa che funziona. Persino contro i tiers.
Quando mulligano almeno un paio di volte.

DECKLIST

Ad un primo impatto visivo può sembrare un’accozzaglia di robe messe a caso insieme, senza criterio, solo perché singolarmente sembrano abbastanza prepotenti e devo ammettere che in fondo in fondo è così. Ma le sinergie non mancano e anche se sembrano disparate, nell’insieme funzionano bene.

2x Centaur Healer
1x Gurmag Angler
1x Invasive Species
4x Kor Skyfisher
4x Putrid Leech
2x Tilling Treefolk

1x Prophetic Prism
4x Abundant Growth
4x Disfigure
1x Grim Harvest
1x Doom Blade
2x Cenn’s Enlistment
3x Chainer’s Edict
3x Duress
2x Raven’s Crime
2x Read the Bones

3x Blossoming Sands
1x Bojuka Bog
4x Evolving Wilds
4x Forest
1x Khalni Garden
1x Mortuary Mire
1x Plains
3x Scoured Barrens
5x Swamp

AD UNA AD UNA

  • Centaur Healer: Mucca. Ecco cosa mi viene in mente quando guardo questa carta. Entra e fa il suo dovere, visto che la media dei non volanti del meta è 2/2. E poi ci ridà un po’ di fiato dopo le attivazioni della sanguisuga. Ottimo da rimbalzarsi in mano e rigiocare in late game.
  • Gurmag Angler: L’algoritmo decisionale è facile.
    Giochi il nero?
    Si -> Gioca la rana.
    No -> Metti dei removal adatti per le rane altrui.
  • Invasive Species e Kor Skyfisher: Motori del rimbalzo, ci permettono di riutilizzare i nostri permanenti con effetti “enters the battlefield”. Hanno anche un bel corpicino.
  • Putrid Leech: Il mio è più grosso. Immagine e abilità suggeriscono a tutti cosa sembra la nostra sanguisuga. Serve un po’ di energia per gonfiarlo, ma quando comincia a muoversi è una goduria. Va specificato che riprenderlo in mano deve essere proprio l’ultima delle scelte. Ok. Basta.
  • Tilling Treefolk: Questo l’avevo messo dentro quasi per scherzo, ma alla fine mi sono accorto quanto è utile. Riprende le Evolving Wilds usate garantendoci i land drop necessari o benzina per le nostre spell con retrace.
  • Prophetic Prism e Abundant Growth: Se giochi tre colori servono assolutamente dei filtri di mana. Se questi poi fanno pescare ogni volta che entrano in campo tanto meglio.
  • Disfigure, Doom Blade e Chainer’s Edict: Tengono pulita la board da tutto ciò che non si può gestire coi nostri ciccioni.
  • Grim Harvest: La regina delle recursion. Se la partita è a buon punto e il mana abbonda si può incominciare a loopare fino a far stare male gli avversari.
  • Cenn’s Enlistment: Adoro questa carta, mi ha fatto vincere più partite di tutte le altre creature. Spesso, tra rimozioni e scartini, porterai sia te che l’avversario nel meraviglioso mondo di Emptyland, dove tutti i giocatori sono liberi dal peso di reggere le carte con le mani. Allora anche una terra off-the-top ti farà gioire.
  • Duress: Mi sono sentito chiedere “Ma le giochi di main?” qualcosa come 100 volte. Certo che si! Qualunque mazzo giochi avrai delle noncreature spell che servono più a te che a me. Mal che vada ti guardo la mano e decido una strategia da seguire, visto che, soprattutto nei primi turni se ne possono seguire diverse.
    E poi fatti i cazzi tuoi.
  • Raven’s Crime: Mani gonfie e appesantite? Il medico suggerisce una dose costante di scartini. Ristabilirà un corretto equilibrio anche in caso di scarsità di risorse. Da somministrarsi prima della combat.
  • Read the Bones: Perchè restare ad Emptyland troppo a lungo potrebbe avere effetti collaterali…
  • Bojuka Bog, Khalni Garden e Mortuary Mire: Terre con effetti ETB, quindi incounterabili. Non ribaltano le partite, ma ci piace avere qualche asso nella manica.

SIDEBOARD

Come si può intuire, il mazzo non è velocissimo, ma i suoi colori gli permettono un’ottima versatilità. La sideboard riesce a proteggere abbastanza bene i fianchi che altri menti sarebbero scoperti. Ciononostante, mazzi come Affinity e Stompy tendono comunque a dare forti colpi al fegato.

  • 1x Augur of Skulls: L’ho trovato molto utile contro Monoblack e altri controlloni (UB Teachings ecc.). Con questi mazzi bisogna cominciare fin da subito a far capire chi comanda.
  • 1x Kor Sanctifiers, 2x Naturalize e 1x Gleeful Sabotage: Spacca artefatti riutilizzabile, instant-speed e raddoppiabile. Funzionano bene anche contro Journey to Nowhere e Tortured Existence.
  • 3x Suture Priest: Ottimi contro mazzi sciame, come elfi o goblins.
  • 1x Pestilence: Idem come sopra, solo che questo entra dopo che abbiamo guadagnato abbastanza tempo con i preti. L’abbondante costituzione delle nostre creature assicurerà che rimanga sempre in campo.
  • 1x Aerial Volley: Fantastico in risposta al trigger di Spellstutter Sprite. Utile anche contro gli Squadron Hawk o a volanti più pesanti.
  • 1x Grim Harvest e 1x Duress: Una copia in più che non si sa mai. Sempre una di scorta, come diceva mia nonna.
  • 3x Choking Sands: Tron ci può dare qualche problema, dato che può giocare più spell di grossa portata in un turno solo. Evitare che raggiunga il trono mentre le nostre bestie picchiano a testa bassa è una strategia migliore e sicuramente più proficua che cercare di portarlo al topdeck. Stesso principio per mazzi come Familiar, che senza le Karoo hanno ben poco da scombare.

IN SINTESI

Probabilmente questo mazzo non entrerà mai nell’olimpo dei tiers, me ne rendo conto, ma tutto sommato posso essere contento del fatto che funzioni meglio di quanto avessi previsto. Ci tengo solo a sottolineare l’idea che c’è alla base di tutto ciò, ovvero che le nuove idee, anche quelle che si basano su quelle vecchie, sono sempre più soddisfacenti di quelle vecchie.
Montate e testate, provateci! E poi, quando vi sarete sudati la vostra prima vittoria, provate a dirmi che non vi piace.

Detto ciò, il mazzo in sé è divertente e abbastanza semplice da usare. Inoltre è completamente personalizzabile e ben adattabile al meta in cui giocate: carte come Ostracize, Castigate, Qasali Pridemage, Tajuru Stalwart e tutti le altre che mi sono sembrate carine mentre lo montavo, e che ho scartato solo per una mera questione di spazio, sono scelte validissime se i mazzi che vi ruotano attorno lo consentono. Sbizzarritevi.
Se siete perciò degli artisti che cercano qualcosa di nuovo, questo è il mazzo che fa per voi.

IN SOLDONI

Posto che non abbiate nessuna di queste carte (il che è impossibile, visto che sono quasi tutte utility che avete in altri mazzi o rimasugli di qualche draft recente), il prezzo del pacchetto si aggira intorno ai 25€.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...